Marmi antichi e Pietre decorativePost
0

Verde Antico

Per IL LUNEDÌ CI RIMANGO DI SASSO parleremo del verde antico. No non è un refuso, non stiamo parlando del Porfido verde antico!

Il verde antico o lapis Thessalicum geologicamente è molto interessante infatti, è una roccia di tipo misto poiché è una breccia sedimentaria contenente marmo e ofioliti (costituiti da serpentino prevalentemente). La matrice è caratterizzata da clorite, calcite e serpentino.

Paolo Silenziario lo descrive come:

“Dove il verde ora risplende

Simile allo smeraldo, ora s’infosca

Tutto e nereggia. Ma il negro fulgore

Rompono poi nevaye macchie altrove

Ed il misto decoro in un cospira”

Questa pietra ornamentale è caratterizzata da un fondo di colore verde con clasti di colore bianco cangiante, nero e verde scuro, solitamente la denominazione del litotipo deriva dal luogo di estrazione. Il verde antico viene introdotto per la prima volta a Roma nel periodo Adrianeo (II sec dC), nel Quinto secolo sostituì perfino l’importantissimo porfido rosso antico per via della fine della sua coltivazione.

Era considerata comunque una pietra di medio pregio (150 danari nell’editto di Diocleziano). Era utilizzato per celebrare i trionfi non solo di Marco Aurelio. 

L’estrazione avveniva nei pressi del Monte Mopsion, Tessaglia (Grecia).

Esempi: colonne S.Agnese a piazza Navona e san Giovanni in Laterano.

Fonti
Marmora romana
Marmi antichi
Manuale dei marmi romani antichi

Tags: , , ,

More Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Post più letti
Menu