Marmi antichi e Pietre decorativePost
0

Portasanta

Per IL LUNEDÌ CI RIMANGO DI SASSO parleremo del marmo Portasanta.

Nella Basilica Vaticana l’apertura della porta santa è attestata per la prima volta nel Natale del 1499.

Il marmor chium o marmo portasanta prende questo peculiare nome per via del fatto che questo veniva posto sugli stipiti delle porte sante come san Pietro, San Paolo, San Giovanni in laterano e Santa Maria Maggiore.

È una pietra ornamentale caratterizzata da un aspetto estremamente variabile, la più comune ha venature che vanno dal rosso al sanguigno su un fondo di colore rosato con screziature o macchie irregolari e venature tortuose bianche e rosse.

Il Portasanta è una roccia sedimentaria clastica brecciata di origine tettonica a composizione prevalentemente dolomitica. Contiene resti fossili, difficilmente riconoscibili. Il marmo proviene dalle cave del mar Egeo a Chio.

Per via dell’estrema variabilità nei colori si sono individuate diverse tipologie tra cui: portasanta pavonazzo, portasanta lumacato, il portasanta bigio, portasanta alabastrina, arlecchina, portasanta lumacata e portasanta brecciata scura.

Esempio di utilizzo: fonte battesimale a santa maria degli  angeli, portesante delle chiese sovracitate.
È utilizzabile in lastre di rivestimento e colonne ma abbiamo esempi anche in vasche di fontana.

Fonti:

Wikipedia
geoitaliani.it
isprambiente
manuale dei marmi romani antichi

Immagini:

Sir-L’Osservatore romano

Tags: , , , ,

More Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Post più letti
Menu