PigmentiPost
0

Nero di Mummia

Per la rubrica LE RICETTE DI GIALLOLITARGIRIO: LA SCIENZA DEI PIGMENTI parleremo del nero di mummia, sì non è un errore di battitura, si tratta infatti di un nero terragno molto simile alla terra d’ombra ma con fonte diversa! Infatti veniva ricavato dalla triturazione e dalla riduzione in polvere di mummie egiziane.

Questo pigmento quanto meno particolare si è diffuso in tutta Europa nel XVII/XVIII secolo.

La polvere di queste mummie era così preziosa da obbligare gli artisti (come Tintoretto) che ne volevano fare uso di impegnare i loro beni più preziosi pur di utilizzarla. Questo era infatti più costoso perfino dell’oro e del lapislazzuli.

Esempio di utilizzo: la libertà che guida il popolo, Delacroix; preraffaeliti.

Fonti
Stile arte
I pigmenti nell’arte, N. Bevilacqua,
La chimica nel restauro, Matteini Moles

Immagini
“Egyptian Mummy” by Lunchbox Photography is licensed under CC BY 2.0

Tags: , , , , ,

More Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Post più letti
Menu