Marmi antichi e Pietre decorativePost
0

Marmo Proconnesio

Per IL LUNEDÌ CI RIMANGO DI SASSO parleremo del marmo Proconnesio.

Il marmo proconnesio (marmor proconnesium in latino) è una delle varietà di marmo bianco più utilizzate nell’Impero Romano infatti è persino uno dei primi marmi segati a lastre. Ne esistono due varietà, una statuaria utilizzato soprattutto a Costantinopoli ed uno con le sfumature a bande più marcate utilizzate per lo più per rivestimenti.

La cava di questo marmo era nell’isola di Proconnesos, una delle isole del Mar di Marmara, piccolo mare che collega l’Egeo e il Mar Nero.

Questa interessante varietà presenta un colore bianco, con bande sfumate di colore cerulee, può avere una struttura uniforme o con venature grigio-bluastre ed ha cristalli grandi.

Le prime esportazioni risalgono perfino al I sec. dC. Nel IV secolo fu uno dei marmi meno costosi nell’elenco dell’Editto dei prezzi di Diocleziano.

Per via dell’odore bituminoso se scalfito o fratturato, gli venne dato il nome di “marmo cipolla”.

Il suo uso riuscì a soppiantare in alcune epoche perfino il celeberrimo marmo lunense.

Fonti
Marmora romana
Trattato delle pietre antiche – Faustino Corsi
Isprambiente

Immagine

IMG_0649.JPG
Tags: , ,

More Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Post più letti
Menu