PigmentiPost
0

Azzurrite

Per LE RICETTE DI GIALLOLITARGIRIO: LA SCIENZA DEI PIGMENTI parleremo dell’azzurrite.

L’azzurrite è un carbonato basico di rame, Cu3 (CO3 )2 (OH)2. In generale si utilizza il minerale naturale ma a volte può essere utilizzata anche la forma sintetica.

Questo minerale è spesso associato alla malachite nelle porzioni ossidate delle miniere di rame.

Il suo utilizzo è stato ben attestato con buona continuità temporale dalla IV dinastia egizia fino al XVIII secolo, risulta interessante la sola variazione della miniera di approvvigionamento da quella tipica ungherese a quella di Chessy per via di frizioni geopolitiche.

Non è raro trovare nel pigmento anche alcune particelle di malachite e cuprite (Cu2O). Le percentuali di queste impurezze influenzano considerevolmente il colore finale dell’azzurrite sul dipinto. Questo pigmento risulta però poco coprente infatti spesso veniva steso sopra preparazioni particolari.

È solubile in acidi diluiti con sviluppo di CO2 mentre a contatto con sostanze alcaline si trasforma in idrossido di rame, un composto di colore azzurro chiaro e instabile. Pertanto non è possibile l’utilizzo del pimento a buon fresco.

È noto il viraggio al colore verde dato però dalla trasformazione dello stesso in triidrossicloruri (in particolare atacamite e paratacamite) e non come spesso si crede in malachite la quale anch’essa è soggetta a questa alterazione.

Esempi di utilizzo: Giotto, Madonna and Child, 1310-15; Tiziano, Madonna Aldobrandini, 1532; Hieronymus Bosch, The Last Judgement.

Individuazione: FTIR, Raman, XRF, FORS.

Fonti:

wikipedia
i pigmenti nell’arte, N. Bevilacqua
la chimica nel restauro, Matteini Moles

Immagini

File:Fra Angelico – Saint Dominic Adoring the Crucifixion – WGA00562.jpg (wiki commons)

Tags: , , , ,

More Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Post più letti
Menu