MolecolePost
0

La Chimica dell’Amianto

Per la rubrica LE DOMANDE DI CHIMICA404 parleremo dell’AMIANTO e gli effetti sulla salute.

Con il termine amianto si racchiudono minerali contenuti nella classe dei SILICOALLUMINATI e sono anfiboli che comprendono actinolite, amosite (“amianto bruno”), antofillite, crocidolite (“amianto blu”) e tremolite; il crisotilo (“amianto bianco”) invece fa parte del gruppo del serpentino.
Le due forme di amianto più pericolose sono la crocidolite e l’amosite.

Il fattore critico è rappresentato dalle dimensioni delle fibre, che possono essere sufficientemente piccole da poter essere inalate ma troppo grandi per poter essere esalate.
Il termine eternit è però improprio per definire tutte le classi dell’amianto.

Il motivo semplice per cui è stato così intensamente impiegato è la sua grande resistenza termica ed alla degradazione ma anche, e soprattutto, per il suo basso costo.

Se le fibre vengono inalate, queste entrano in profondità nei polmoni e per via della resistenza alla degradazione non vengono eliminate. La presenza delle fibre crea uno stato di infiammazione persistente in cui vengono prodotte molecole che danneggiano il DNA delle cellule, favorendo la trasformazione tumorale.

Il periodo di formazione è estremamente lungo e va dai 25 ai 50 anni.

Fonti:

https://www.airc.it/cancro/informazioni-tumori/corretta-informazione/tutti-i-tipi-di-amianto-sono-cancerogeni#:~:text=Purtroppo%20questo%20materiale%20cos%C3%AC%20versatile,alla%20degradazione%20non%20vengono%20eliminate.

https://ec.europa.eu/taxation_customs/dds2/SAMANCTA/IT/Safety/Asbestos_IT.htm

Immagini

“Amianto” by Daquella manera is licensed under CC BY 2.0
“Anthophyllite Asbestos Scanning Electron Microscopy (SEM)” by Asbestorama is licensed under CC BY 2.0

Tags: , ,

More Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Post più letti
Menu