Marmi antichi e Pietre decorativePost
0

Africanone o cipollino rosso

Per IL LUNEDÌ CI RIMANGO DI SASSO parleremo dell’africanone.

L’africanone o cipollino rosso deriva dal metamorfosi di carbonati non puri, contenente anche silice e allumina. Ha una struttura scistosa con grana molto fine con cristalli isorientati alternati da strati di quarzo il colore è dovuto alla presenza dell’ematite.

Questa pietra ornamentale è caratterizzata da un fondo rosso scuro con macchie o bande ondate chiare. Il nome deriva della naturale scistosità della roccia che si può ricondurre alle fattezze di una cipolla.

I primi utilizzi sono accertati intorno al III sec dC ma l’estrazione di questa pietra continua ancora ai giorni nostri ed era il prediletto a Costantinopoli ricordiamo infatti il famoso palazzo Cariano. 

Il litotipo è estratto nelle cave lungo il villaggio di Kiyikislacik (l’antica città di Iasos). Quest’area apparteneva anticamente alla regione della Caria.

Paolo Silenziario lo descrive come:

“Produce la profonda valle

Del monte d’Iaso che sentieri obliqui

Svela di bianco livido e di sangue”

Fonti
Marmora romana
Marmi antichi
Manuale dei marmi romani antichi

Immagine
Zona Dantesca e Tomba di Dante “ladybarthory 1974”

Tags: , ,

More Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Post più letti
Menu