nobel chimica
0

Jacobus Van’t Hoff

Per la chimica da Nobel parleremo di Jacobus Van’t Hoff.

1901 

“Per la formulazione delle leggi della dinamica chimica e della pressione osmotica nelle soluzioni”

Fu un chimico olandese nato nella seconda metà del diciannovesimo secolo. Fin da giovane si interessò alla chimica, particolarmente agli esplosivi. Ma vi chiederete perché si meritò questo prestigioso premio, beh, fu il padre della stechiometria proponendo quindi una concetto all’ora rivoluzionario e cioè che le molecole fossero tridimensionali sottolineando che in chimica organica ogni carbonio avesse una struttura tetraedrica, studiò le soluzioni diluite dimostrando l’analogia fra queste e i gas arrivando fino alla formulazione della teoria sulla pressione osmotica! E cioè la diffusione che avviene tra due liquidi miscibili a concentrazione differente. Formulò la teoria che tutte le proprietà di una molecola fossero il riflesso della sua struttura. È suo il merito del parametro “n” nell’equazione dei gas perfetti in modo da applicarla a sistemi diluiti. Per non bastare introdusse il concetto dell’affinità elettronica, aiutò Arrhenius dal punto di vista fisico per dimostrare la sua equazione.

La sua teoria per lo scienziato ideale e di spicco prevede che questo porti immaginazione nella scienza! (A noi viene in mente subito Feyman) in ogni caso secondo noi sono parole sante.

Immagine 

Wikimedia

Fonti

Dizionario dei premi nobel, Pietro Migliorini

Wikipedia en

Treccani

Nobelprize.org

Tags: , , ,

More Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Post più letti
Menu